Everyday life, Italiano

Come ho trovato lavoro a Londra

Dopo anni di stage non pagati, contratti di lavoro a partita IVA, lavori da freelance pagati male e sempre con mesi e mesi di ritardo dopo email e telefonate minatorie, ho deciso di lasciare il mio paese. Non mi sento una vittima del sistema, ma semplicemente una con poca pazienza e tanta voglia di fare e considerando che non ci si puo’ considerare giovani fino a 40 anni, ho deciso di cercare lavoro a Londra.

La piccola fiammiferaia 

Londra l’ho vissuta  prima da studentessa e da cameriera/commessa, dopo una laurea in Scienze della Comunicazione in Italia. Un Master puo’ essere infatti, un’ottima opportunita’ per imparare, migliorare il proprio inglese acquisendo un linguaggio tecnico nell’ambito che piu’ interessa, ma anche un modo per fare network e connettersi con la propria industria di riferimento. I master, io ho frequentato LCC (London College of Communication) solitamente sono ben strutturati, forniscono competenze pratiche, spendibili in ambito professionale e le Universita’ mettono sempre a disposizione contatti e offerte di internship o collaborazioni part time, con le aziende. Non aspettattarti grandi guadagni, anzi spesso l’internship prevede solo una copertura delle spese per spostamenti e cibo. Quindi un lavoro che ti supporti, anche part time, è d’obbligo a meno che non hai mamma e papa’, nonni o zii che ti sposorizzano.

studentessa povera

La ragazza con la valigia

Da adulti l’approccio con il mondo lavorativo è ben diverso, quindi mettiamo che decidi di spostarti qui a Londra verso i 30 anni, la situazione è bella tosta. Innazitutto la dose di coraggio è sicuramente maggiore, quindi complimenti,  perche’ stai combattendo con aspettative personali e tutta una serie di pressioni sociali che a vent’anni non hai. Soprattutto se in Italia il lavoro a 1500 euro al mese ce l’avevi gia’, ma probabilmente non ti soddisfaceva. Hai un sogno che vorresti realizzare e hai gia’ provato mille strade, ma ti è risultato troppo difficile farlo a Roma.

Ragazzaconlavaligia
La ragazza con la valigia – film del 1961 diretto da Valerio Zurlini con la stupenda Claudia Cardinale

In questo caso ricorda, ma lo saprai gia’, Londra è cara e sei venuta qui per cambiare la tua vita in meglio e non in peggio. Quindi evita di cercare lavoro nel caffe’, anche se non parli bene in inglese, sfrutta la tua lingua madre, che è da considerarsi una valore aggiunto e non un ostacolo. Esistono milioni di aziende soprattutto in sales, marketing e eventi  che cercano madre lingua italiani. A parte poi le mille aziende di fashion e  interior design italiane con sedi a Londra, da Armani in giu’, la scelta  è ampia.

Non ti accontentare, mai!

La mia esperienza è circoscritta a comunicazione, marketing e media. Quindi mi sono affidata inizialmente alle agenzie di recruitment specializzate nel settore. I Job center delle Town Hall locali non sono da prendere molto in considerazione, offrono solo lavori di merda.

Qui un paio di quelle che credo siano le migliori per cercare lavori in comunicazione:

http://www.weareaspire.com/

http://www.manu-forti.co.uk/

Inserendo poi su Google le parole giuste, ne troverai tantissime.

Le agenzie funzionano abbastanza bene, hanno tutto l’interesse a trovare l’offerta di lavoro vicina al tuo CV o aspettative, prendono una piccola percentuale sul tuo stipendio, quindi vogliono che tu possa essere contento e trovare lavoro facilmente.

Non limitarti ad accettare la prima offerta economica che ti si presenta, puoi sempre trovare chi puo’ offrirti di piu’, se sei sicuro delle tue capacita’ e della tua esperienza, non avere paura a rilanciare.

Analizza il tuo valore sul mercato, nel mio caso ad esempio non avrei mai potuto accettare qualcosa che fosse al di sotto dei 30/ 33K all’anno.

La ricerca del lavoro è faticosa, ma se arrivi con le idee chiare, non è difficile trovare quello che piace. Non c’e’ bisogno di avere l’amico del papa’ in politica, ne’ tantomeno leccare il culo all’assistente del professore all’Universita’, per una collaborazione di 6 mesi a 500euro al mese, pero’ fare network è importante.

In Inghilterra il concetto di raccomandazione non esiste, ma esiste la reference, è importante sapersi relazionare negli ambienti lavorativi. Qualsiasi lavoro tu possa fare, non andare via sbattendo la porta, cerca sempre di lasciarti dientro buoni rapporti.

La nuova azienda richiedera’ sempre una lettera di referenza dalla precedente, in realta’  minimo due lettere, quindi mantieni  sempre ottimi rapporti con il tuo ex boss. Essere educati e gentili non è una  debolezza, ma una forza che spesso molti dimenticano.

Sii curioso, parla con gli amici degli amici che sono qui a Londra da tempo e se incontri qualcuno che lavora nell’ambiente di tuo interesse, non aver paura a chiedere informazioni o suggerimenti.

Spero  che i miei suggerimenti, ti possano essere d’aiuto.

Good luck!!!!

 

Se il mio post ti e’ piaciuto, metti un like o commenta.

Se ti ha fatto schifo, commenta lo stesso.

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s