My experience in Dunkirk, love and smiles I bring back home from who is living the worst nightmare ever.


My dear friend Mireia, told me about Calais. I mean I knew all the situation there  but she was telling me about her experience in the camp, where 5,497 people of which 137 Syrian refugees live*.
I always found  volunteering something  not suitable with my personality, to tell you the truth, I found it too taught and  too heartbreaking.  I have always been committed on participating in demonstration in the street, if I feel the reason close to my values ​​and my ideals, but I don’t think I can define myself an activist.

I have been traveling since I was very young and  I had the good fortune to meet and know different kind of people. I learned  to get over  national particularity and stereotypes associated with preconceived visions of people. I try constantly to assess people irrespective of background. I have always been intrigued by cultures around the world, but I never thought  would be  possible that peeling  onions and cut potatoes for refugees in Calais, would make me feel  that good.
Over the past 10 years I have read thousands of stories about migrants. I do not know exactly why, but I always felt empathy with them, although I can not understand what  means travelling for months through six nations, in the most awful conditions.

The way in which Europe and England are reacting to the emergency, it is absolutely disgusting, so I felt the civil responsibility as human being  to do something. I felt that even something small like going to help for a weekend would help.
I spoke  with Mireia, as Italian and Spanish ( Catalan) women, we have been informed since the 90s about the tragedies  that occur in our sea every year. Thousand people die every year and the situation after the war in Syria has  becoming even worse in the last three years. A lot of people keep coming and they continue to run away from their country, because it is better to die trying to escape than under a bomb.
http://www.theguardian.com/world/2016/jan/31/migrants-dunkirk-british-citizens-france-tent-city-iraqi-kurds-uk-passports
So I decided to come with her to Calais.
We met on a Friday evening at Hackney Central with backpacks and a smile on our faces.

I told myself that I was not going on a trip but the feeling I felt was beautiful.
We were four of us, we took the bus from Victoria Station  that one of £ 50 return. We stop for passport control before and then to take the ferry in Dover.
We arrived in Calais at 5:30 in the morning, the cold and the wind cut my face and I wondered how these people still manage to survive in such a shit weather.
From the port we went directly to the  warehouse.
The warehouse is the nerve center of the volunteers action, who work in the camps in Calais and Dunkirk. They are groups of raver, ex squatters. There’s no Red Cross, no non-governmental organization apart from Médecins sans Frontières , which seem to be always the first organization that arrive into the  emergency zones.
werehouse
All volunteers live here in vans, caravans and camper just outside the warehouse. Some of them are here since December other since September. The “volunteers of the weekend” like us, are important for them, give help to more than 6,000 people every day is an unbelievable and emotionally intense work.
I worked with the boys and girls  of the Refugee Community Kitchen. Steve is the guy  who did start the initiative is Steve, that used to work for the  Glastonbury Festival.

werehouse 2.jpg

R.C.K. and the whole crew of Artists in Action are usually organizing  festivals, art events and rave.There are  no patches on jackets, no names of organizations, are men and women like me, like you, that work hard everyday to help those who live in the mud since months.
The day starts early. After you have done the work in the kitchen cutting potatoes, carrots, garlic and onions and all that the cooks needed, we went to distribute the food to the camp in Dunkirk.
The way the transport available are the Bastien’s car and the Koldo’s  van, a smiling boy who arrived here from Granada.
Dunkirk is even worse than Calais. It is a huge mud pool where about 2,000  camp with tents. The cold, damp and dirt are impossible to survive in.

dunkerque
Dunkirk

It’s like being in a war zone, but we are one hour by train from King’s Cross and less than 2 hours flight from Paris, in the middle of the “civilized” Europe.
What i saw  was depressing. The French police checks at the entrance. It is prohibited for anyone to bring in any kind of technical structure that can improve the living conditions of these people. We have permission to bring in only food, clothing and sleeping bags.


We organized two camping tables  to place the food on. People are starting to line up to pick up the food. It’s to give to those people dignity, so no sad faces, no pietism. They  are guys like us who often speak three languages ​​and do not have the “luck” to have a valid passport to travel in Europe.
So we put a little bit of music and  we start to distribute the food. There are  no poses, there is nothing heroic, it is just love, we are people who help other people who are living in a desperate situation, forgotten by all. Dunkirk is an illegal camp there are not any organizations that usually give support here.

All the refugees here are almost all boys, often very young,  families with small children, considered as garbage to keep away, outside the city. Wonderful smiles, people full of gratitude, there is no anger in the looks.


Maria lives here is a cute and clever little girl who brings me and Mireia to take a ride in the field. She speaks perfect English and has only 8 years old. Maria is beautiful with big green eyes, she is  from Syria.

 

Dunkerque kids
Photo: Bastien Neuville

Mohamed is a 21 year s old  boy from Iran. He comes with his phone asking me if he can put on his music. His dream is to go to Glasgow, he does want to come to London seems to be too expensive, I smiled at him. He was an IT in Iran he lost his job and the current situation does not allow him to find another one, most of his family  is in Glasgow and he would just want to go there. He told me  that he doesn’t like France. He found people here too racist, he was arrested only because Iranian and without a passport. Arrested and detained for 18 days, treated like beast – they barely gave me food and water  – it seems a story from a concentration camp in the 1944, but no we are in 2016 in Europe.
After the mission in the camp we back  to the  warehouse. We have to clean pots and  then the day is over. Pats on the back, smiles and a photo to immortalize the team of the day.
I do not know what I’ll find next time, cause the latest news say that after the meeting in Lille, the southern part of the main camp, “the Jungle” will be evacuated. 800-1000 people will be brought to new temporary shelters and containers.
The work is hard, emotionally left me in so much sadness and anger towards a system that has lost respect for human life, but I want to go back to Calais for the guys in the camps and  for volunteers. I have met in four days  fantastic men and women, big hearts and wonderful minds. Nice people exist, it is not true that we just  become  a shapeless mass of selfish individuals closed in our little meaningless lives.

foto finale

If interested in the opportunity to volunteer in Calais or if you want support economically the work of volunteers, below the list of the organizations involved:

Artists in Action: http://www.artistsinaction.eu/

Refugee Community Kitchen: https://www.youcaring.com/refugee-community-kitchen-474904

L’Auberge des Migrantes: http://www.laubergedesmigrants.fr/

Volunteers in Calais: http://www.supportrefugees.org.uk/volunteering/volunteer-in-calais/

Care4Calais: http://care4calais.org/

*Source: http://www.helprefugees.org.uk/2016/02/22/calais-camp-total-number-of-residents-revealed-for-the-first-time-423-unaccompanied-minors/

ONE LOVE

Viaggio a Dunkerque: i sorrisi e l’amore che ho portato a casa, di chi vive il peggiore degli incubi


di : Rossella Forle’

A dicembre Mireia, una mia cara amica mi ha detto che era partita da sola per Calais a dare una mano al campo, dove ad oggi alloggiano circa 5,497  di cui 137 rifugiati siriani *.

Il volontariato l’ho sempre trovato una cosa troppo intensa e non adatta a me, a dire tutta la verita’. Sono sempre stata mediamente impegnata, partecipo ad una  manifestazione se sento il motivo vicino ai miei valori e ideali, ma non credo di potermi definire un’attivista. Viaggiando ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere di tutto, sono riuscita e crescere andando al di la’ di particolarismi nazionali e stereotipi legati a visioni precostituite di un popolo. Provo costantemente a valutare le persone indipendentemente dalla provenienza,sono sempre stata incuriosita dalle  culture di tutto il mondo, ma non ho mai creduto possibile che pulire cipolle e tagliare patate per i rifugiati a Calais, mi avrebbe fatto sentire bene.

Negli anni ho letto migliaia di storie di migranti, non so esattamente per quale motivo, ma ho sempre provato empatia, sebbene non possa capire cosa significhi davvero viaggiare per mesi attraverso sei nazioni a volte a piedi, nelle condizioni piu’ assurde. Negli ultimi tempi ho sentito il problema sempre piu’ vicino e trovando che, il modo in cui l’Europa e l’Inghilterra stiano reagendo all’emergenza, sia assolutamente disgustoso, ho sentito il dovere civile oltre che umano di fare qualcosa, anche se piccola.

Con Mireia ho parlato a lungo dell’emergenza migranti, da donne del Mediteranneo, sentiamo e siamo informate dagli anni ’90 sulle tragedie che avvengono nel nostro mare non solo d’estate. La situazione dopo la guerra in Siria negli ultimi anni è peggiorata, di migranti da due anni a questa parte, ne sono morti migliaia. Continuano a venire  e continuano a scappare, per la maggior parte di loro è meglio morire provando a scappare  che sotto una bomba.

http://www.theguardian.com/world/2016/jan/31/migrants-dunkirk-british-citizens-france-tent-city-iraqi-kurds-uk-passports

Cosi ho deciso di partire con lei.

Ci siamo incontrate un venerdi sera qualunque ad Hackney Central con gli zaini e un sorriso in faccia, mi ripetevo che non stavo andando in gita ma la sensazione che provavo era bella.

Siamo partiti in quattro, da Victoria Station con l’autobus, di quelli che costano £50 andata e ritorno, fermi per il controllo passaporti prima e per il traghetto a Dover poi.

Arrivati a Calais alle 5:30 di mattina, il freddo e il vento tagliavano la faccia  e mi sono chiesta come questa gente riesca ancora a sopravvivere in un clima cosi’ ostile.

Dal porto siamo andati direttamente alla werehouse.

La werehouse è il centro nevralgico dell’azione dei volontari, che lavorano al campo di Calais e Dunkerque. Sono gruppi sciolti, raver, ex squatter, non c’è nessuna Croce Rossa, nessuna organizzazione non governativa a parte Medici senza Frontiere, che pare siano sempre i primi ad arrivare nelle zone d’emergenza.

werehouse

Vivono qui in van, roulotte e camper fuori dalla werehouse alcuni sono qui da dicembre altri da settembre. I “volontari del week end” come noi, sono per loro importanti e di grande supporto, dare aiuto a piu’ di 6,000 persone ogni giorno è un lavoro allucinante e intenso emotivamente.

Ho lavorato con i ragazzi della Refugee Community Kitchen, chi ha fatto partire l’iniziativa è Steve, un ragazzone un po’ rude che  di solito organizza il Glastonbury.

werehouse 2

R.C.K. e tutta la crew di Artists in Action solitamente organizzano feste, festivals e rave ma sono qui da mesi a cucinare e distribuire cibo a piu’ di 1,600 persone ogni giorno.

Non ci sono toppe sulle giacche, ne’nomi di organizzazioni, sono uomini e donne come me come te, che si fanno il culo per aiutare chi da mesi vive nel fango.

La giornata inizia presto alle 8 si è operativi. Dopo aver fatto il lavoro in cucina tagliando patate, carote, aglio e cipolle e tutto quello che serve ai cuochi, si parte per distribuire il cibo al campo di Dunquerke.

I mezzi di trasporto sono la macchina di Bastien e il furgone di Koldo, un ragazzetto sorridente che è arrivato qui da Granada.

Dunkerque è ancora peggio del campo di Calais, è  un’immensa piscina di fango dove circa 2,000 persone vivono accampate con tende da campeggio. Il freddo, l’umido e la sporcizia sono al limite della sopravvivenza.

dunkerque

Sembra di essere in una zona di guerra eppure siamo a un’ora di treno da King Cross e  meno di 2 ore di volo da Parigi, nel mezzo della civilizzatissima ed evolutissima Europa.

Lo spettacolo all’arrivo è deprimente, con tanto di controlli della polizia francese all’ingresso, è vietato a chiunque portare qualsiasi tipo di struttura tecnica che possa migliorare le condizioni di vita di questa gente. Abbiamo l’autorizzazione di portare dentro solo cibo, vestiti e sacchi a pelo.

Entrati organizziamo con due tavoli da campeggio un piano di appoggio su cui sistemare il cibo. La gente inizia a mettersi in fila alla rinfusa. E’ importante, come dice Bastien, dare a queste persone una dignita’, quindi niente facce tristi, niente pietismo e atteggiamenti da suorina, sono ragazzi come noi che spesso parlano tre lingue e non hanno la “fortuna” di avere un passaporto valido per viaggiare in Europa.

Quindi mettiamo su un po’ di musica e  distribuiamo il cibo. Non ci sono pose non c’è niente di eroico, è uno scambio di amore, siamo persone che danno una mano ad altre persone che stanno vivendo nella miseria, dimenticati da tutti.  Dunquerke è un campo illegale non ci sono neanche le organizzazioni che di solito danno supporto in queste situazioni. Sono quasi tutti ragazzi, famiglie spesso molto giovani con bambini piccoli, i piu’ grandi hanno 8 anni, considerati come buste di immondizia da tenere lontano, in una discarica fuori dalle citta’. Sorrisi meravigliosi, gente piena di riconoscenza, non c’è rabbia negli sguardi, io ne avrei tanta, non c’è paura.

Maria vive qui  è una bambina sveglia e intelligente che porta me e Mireia e fare un giro nel campo, parla perfettamente inglese e ha solo 8 anni.Maria è bella ha gli occhi grandi e verdi  e viene dalla Siria.

Dunkerque kids
Photo: Bastien Neuville

Mohamed è un ragazzo iraniano di 21 anni, arriva con il suo telefono e mi chiede se puo’ mettere su un po’ della sua musica, mi dice che il suo sogno è andare Glasgow, non vuole venire a Londra pare sia  troppo cara, io gli sorrido e annuisco. Lui in Iran era un IT ma ha perso il lavoro e la situazione odierna non gli permette di trovarne un altro, ha parte della sua famiglia a Glasgow e vorrebbe vivere li. Dice che la Francia non gli piace, trova la gente di qui troppo razzista, mi racconta che è stato arrestato solo perche’iraniano  e senza passaporto. Arrestato e detenuto per 18 giorni, trattato come una bestia – a stento mi hanno dato da mangiare e acqua da bere – sembrano racconti da lager e invece no è il 2016 e siamo in Europa.

Dopo la distribuzione torniamo alla werehouse c’è da pulire le pentole e le sporte e poi la giornata è finita. Pacche sulle spalle, sorrisi e una foto per immortalare il team del giorno.

foto finale

Non so cosa trovero’ la prossima volta perche’ le ultime notizie dicono che  dopo il meeting di Lille, la parte sud del campo principale  “la jungle”, verra’ evacuata, circa 800-100 persone verranno portate verso nuovi alloggi temporanei e containers.

Il lavoro è duro, emotivamente mi ha lasciato dentro tanta tristezza e rabbia verso un sistema  che ha perso il rispetto per la vita umana, ma a Calais ci voglio tornare non solo per i ragazzi del campo ma per i volontari, ho conosciuto in quattro giorni uomini e donne spettacoliari, cuori immensi e menti stupende che mi hanno fatto capire che le persone belle esistono, non è vero che siamo solo una massa informe di egoisti chiusi nelle nostre piccole vite.

 

Se interessati alla possibilita’ di prestare volontariato a Calais o supportare economicamente il lavoro dei volontari, di seguito trovate la lista delle organizzazioni coinvolte:

Artists in Action: http://www.artistsinaction.eu/

Refugee Community Kitchen: https://www.youcaring.com/refugee-community-kitchen-474904

L’Auberge des Migrantes: http://www.laubergedesmigrants.fr/

Volunteers in Calais: http://www.supportrefugees.org.uk/volunteering/volunteer-in-calais/

Care4Calais: http://care4calais.org/

*Source: http://www.helprefugees.org.uk/2016/02/22/calais-camp-total-number-of-residents-revealed-for-the-first-time-423-unaccompanied-minors/

ONE LOVE

The hatespeech, quando l’odio e intolleranza prendono il sopravvento sulla discussione


di: Rossella Forle’

Lavoro quotidianamente con i social, la creazione di content marketing è una cosa che mi riguarda da vicino.

In questo post vorrei pero’ riflettere su un aspetto della comunicazione social che invece riguarda tutti noi e non solo gli addetti ai lavori. Umberto Eco affermo’ tempo fa che i social network “hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli”  che prima  parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività”.

Il dramma di Internet è aver promosso lo scemo del villaggio a portatore di verità.

Dal Family day, ai commenti razzisti d’oltremanica sull’emergenza migranti, passando per Charlie Hebdo e l’attentato di Parigi, vi è un elemento che unisce tutti questi avvenimenti, il commento su facebook e l’hate speech.

Ho visto finire le migliori amicizie per uno scontro politico su facebook. Senza contare le analisi di geopolitica o psicologiche inutili che hanno come unico obiettivo, offendere l’interlocutore.

Voglio evitare un’ulteriore polemica sulla considerazione del celebre semiologo, con cui mi trovo personalmente d’accordo. Vorrei infatti parlare del fenomeno del trolling, che ha portato alla ribalta lo scemo del villaggio promuovendolo a opinion leader.

Il troll è un soggetto che interagisce con gli altri tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, con l’obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi. (wikipedia)

In pratica il troll è quello che ama infastidire e provocare reazioni di rabbia, che condivide quello che è comunemente conosciuto come hate speech.

Un esempio tipico di trolling sono le bufale online, un fenomeno a cui guardare con attenzione e che dovremmo conoscere bene per evitare di cadere nei tranelli.

Terreno fertile del hate speech infatti è il razzismo e l’omofobia. Frasi xenofobe e atti di intolleranza infatti generano “rumore”, vengono facilmente commentate positivamente o negativamente, si propagano rapidamente rimbalzando da un network all’altro, acquisendo grande visibilità . A differenza del Troll, l’Hater comunica direttamente allo “stomaco”, provoca rabbia e reazioni a catena che hanno come unico scopo la diffusione di messaggi violenti. Il commentatore che si accoda a questo genere di bufale viene quindi istigato a sostenere o contrastare con altrettanta violenza la notizia. In una sorta di rimbalzo che termina spesso con offese personali deliranti.

Come se online si perdesse la percezione della realta’, in un confronto faccia a faccia con un estraneo, nessuno parlerebbe con lo stesso odio, a meno che non voglia scatenare una rissa o essere denunciato. Ma online è come se si perdesse il lume della ragione e si desse sfogo  alle cattiverie piu’ nascoste, dimenticando che dall’altra parte dello schermo vi sia una persona in carne e ossa.

12_hate_speech_Elenco

Un articolo di qualche tempo fa sul Guardian sottolineava che la nuova legislatura inglese ha introdotto delle norme volte a punire chi usa frasi offensive, razziste o denigratorie, considerandole pero’ una prima forma di censura della liberta’ di espressione. Qual’è quindi il limite tra liberta’ di espressione e hate speech?

Che differenza c’è tra esprimere un’opinione e confrontarsi anche avendo opinioni contrastanti? e perche’ spesso si degenera utilizzando luoghi comuni e preguidizi per promuovere l’odio e l’intolleranza verso il singolo o un gruppo di persone?

Un post con una grafica orrenda che riporta notizie errate, quali per esempio che ogni migrante con asilo politico in Italia percepisce 35euro giornaliere, va da se che non puo’ essere una fonte di notizia attendibile e quindi ripostato.

Internet è un mezzo meraviglioso ma è necessario verificare la fonte delle notizie.

Dobbiamo uscire da questa fase ingenua che tanto ricorda gli esperimenti radiofonici di Orson Welles per poter approfittare della rete senza risultare vittime, e talvolta complici inconsapevoli, di certi fenomeni.

Lo scorso 10 dicembre 2015 è  stata organizzata, dal No Hate Speech movement, la Giornata Europea per i diritti umani online, per contrastare i fenomeni di odio attraverso i social network. La necessita’ di creare addirittura una giornata per ricordarsi di essere tolleranti verso minoranze, di commentare o segnalare contenuti di odio sui social, è scaturita dalla necessita’ di contrastare qualcosa che si sta diffondendo a macchia d’olio e  non fa altro che creare differenze e divisioni, basate spesso su considerazioni errate di un particolare fenomeno, dovuto a una mancanza d’informazione sull’argomento.

no hate speech

Quindi cosa possiamo fare per contrastare l’hate speech?

prima di tutto basta far capire che l’intolleranza non è la tua norma.

In senso costruttivo si potrebbe invece

  1. Comunicare mantenendo livelli di educazione e civiltà
  2. Essere chiari nello scrivere
  3. Non fornire appigli per potenziali manifestazioni razziste

Alcuni politici giocano proprio su quest’ultimo aspetto. Nessuno scrivera’ mai “Uccidiamoli!” ma creera’ affermazioni o domande che istigano alla violenza.

Ad esempio “Cosa fareste voi ad un Rom che vi porta via il figlio?”. Nella maggior parte dei casi le persone non si assicureranno della fonte di questa informazione ma si accaniranno a commentare nei modi più degradanti.

La violenza verbale può scaturire anche dall’antirazzismo, spesso si leggono commenti estremamenti aggressivi anche da parte di fautori della pace e dell’integrazione. Commentare con altrettanta rabbia e odio una frase razzista, non fa che dare l’assist alla violenza.

Quindi se  l’obiettivo è sostenere le unioni civili, non è certo creando o postando notizie altrettanto violente e fuorvianti che si risolva la questione.

Stiamo attenti a quello che leggiamo e postiamo. Non permettiamo ad Eco di avere il 100% della ragione.