Mai piu’vittime della moda, primi passi verso la liberta’


 

no-more-fashion-victims-e1422134765550

 

Nel momento in cui ho deciso di cambiare le mie abitudini di acquisto, ho cercato di capire innazitutto dove indirizzare i miei sforzi.

Diventare una consumatrice critica non è facile.

Nel mio caso  la strage  di Rana Plaza di due anni fa che, uccise piu’ di 1.100 operai tessili in Bangladesh e ferito altri 2200, inizio’ a farmi riflettere sulle condizioni dei lavoratori nelle fabbriche. Iniziai a informarmi e a mettere in discussione  il mio ruolo di consumatrice di moda;  chi fa i vestiti che indosso tutti i giorni? in che tipo di condizioni quei lavoratori vivono e lavorano?

Ma non ero ancora pronta a un reale cambiamento, che presuppone contestualmente un lavoro di ricerca e attenzione verso tutta una serie di informazioni che inizialmente possono risultare noiose.

Il passo successivo è  stato iniziare a  pensare a cosa fare per essere sostenibile e come.

Comprare meno, o comprare lo stesso, ma ‘eco’, non comprare nulla, o riciclare tutto, o …?

E poi:

Ne ho bisogno ?
Ho già qualcosa simile?
Lo indossero’ almeno 30 volte?
Mi farà felice?

Da qui è iniziata la mia ricerca di marchi e negozi in cui è posso acquistare che incontrino il mio stile e le mie tasche.

… Tutto questo prima  ancora di aver comprato qualcosa.

Essere un consumatore non- critico  è molto più facile.

E’ più veloce, è più semplice, ed è un po’ più divertente così (perché non devi porti queste domande). Nel breve termine, è anche più economico.

Ma non ho intenzione di infastidire nessuno, perché a nessuno piace il sermone e ognuno di noi vive fasi diverse, nel complesso cammino della conoscenza e comprensione dell’impatto che i nostri consumi hanno sull’ambiente.

Con il mio esperimento infatti, spero solo di raccontare una storia che possa ispirare anche una sola persona a fare lo stesso.

Esiste infatti  un numero  di marche che utilizzano pratiche etiche nel processo di produzione e che realizzano abiti meravigliosi e super stilosi . Le aziende che elenco di seguito, sono alcune delle mie preferite. Potrebbero dare qualche idea su come creare un guardaroba fatto di pochi pezzi minimal e intercambiabili.

EVERLANE

Everlane basa il suo lavoro sulla trasparenza. Spende la maggior parte del tempo nel trovare fabbriche nel mondo, le stesse che producono per le nostre marche preferite, stabilendo dei rapporti con il proprietario della fabbrica tali da assicurare una produzione eticamente corretta dal principio alla fine. Everlane ritiene che i consumatori debbano essere informati sull’intero processo di realizzazione, quindi fornisce informazioni sulla fabbrica che realizza i vestiti, i costi di produzione e le storie che ci sono dietro ogni singolo pezzo realizzato.

ZADY

ZADY  riconosce  i problemi che si celano dietro il maltrattamento dei lavoratori e l’utilizzo di sostanze tossiche nelle produzioni, pertanto ha deciso di creare un’azienda che dimostra che un modo migliore di farlo, è possibile. Collezione uomo, donna e accessori per la casa

 

 

JAN ‘N JUNE

Jan n’ June: è  un’idea di Jula e Anna,Jan June i capi sono prodotti in Polonia e India, ed è possibile tracciarne la provenienza.

I materiali usati sono 100% organic, lo stile minimal chic.

 

 

 

 

FREEDOM OF ANIMALS

freedom from animalsFreedom of Animals produce borse senza utilizzare  pelle animale. Il brand cha abbiamo sempre sognato, design minimal ed eticamente rispettoso della vita degli animali. Utilizza solo materiali riciclati come cotone organico e bottiglie di plastica. Per realizzare le sue texture, utilizza un processo di trasformazione dei materiali sintetici che consuma il 70% in meno di energia. Il brand inoltre, supporta Sheldrick Wildlife Trust in Kenya, per la salvaguardia e il reinserimento in natura dei piccoli orfani di  elefanti e rinoceronti

 

Eco- friendly … with style


no-more-fashion-victims-e1422134765550

 

I have always been convinced that revolution starts from individuals. The union of individual acts can make a difference.

A few months ago I came across an extraordinary documentary “The True Cost”, currently on Netflix. Over the years I have been interested in this subject I read books about it. I started to follow bloggers who analyze the relationship between consumerism, garment workers and the  environment. I getting know independent  reality that are trying to break this cycle. But just lately all this information have had a real impact on my daily life.

This documentary in particular, has significantly changed the way I live and perceive fashion. I am a woman like many others who loves fashion with a bit of shopping addiction .

But the more I learned, the more I felt that fashion directly collided with my values. From an environmental perspective, the cycle of consumption and waste generated by fashion’s churn taxes an already-strained climate. On the human dimension, clothes are often manufactured in developing countries that lack sufficient labor laws to ensure that workers receive fair pay and work under safe conditions.

The fashion industry is  the second most dangerous industry for environment and human life after oil. The fast – fashion in particular, with the birth of giant brand such as H & M, has developed a new trend. In my daily life I have noticed that I used to purchased and immoderate number of cheap things of very low quality that I don’t even need. This kind of production is literally destroying the population of the southern-east Asia countries.

The production of cotton for example is one of the most harmful. The farmers are not being able to wait for the natural process of plant flowering, responding the constant demand for cotton from the market. The fields are constantly watered with pesticides, as well as contaminating the water and the land, they  cause health problems to the entire population of neighboring areas . In south India every small village  have more then 60 children with  mental and physical disability, directly related to the huge amounts of pesticides in the water. ( http://frame.bloglovin.com/?post=4841934112&group=0&frame_type=a&context=&context_ids=&feed_order=undefined&blog=5083095&frame=1&click=0&user=0 )

cotton

So I started doing a research to understand how to change my shopping habits.

Here’s a question: is it possible to be committed to social and environmental ideals and to love fashion? Does an extravagant pair of shoes put you at odds with your beliefs? Even worse, does it make you a hypocrite?

I explored different ways to keep my relationship with fashion, which often have failed. There was a period I stopped buying new clothes and only bought vintage or second-hand. Then, for a few months, I abandoned shopping altogether.Time passed, and these various experiments came and went. But instead of bringing me a greater sense of purpose, this separation from fashion felt like a sacrifice of an important part of my identity. Feeling perpetually conflicted about loving fashion had forced me into a no-win situation.

And that’s when I realized that perhaps I don’t have to choose at all.

Instead – the clothes I buy, the things I choose to wear -could be another way for me  to put my beliefs into practice.

Consumption is a powerful act. We vote once every two years, but we spend money, in some form, almost every day.

So, instead of rejecting fashion, I decided to embrace it differently.

Sometimes, conversations on sustainability should not be exclusively limited to a single point of view. Of course, it is useful to understand the problems, but sustainability isn’t  – and should not be – about one-size-fits-all. Be environmental friendly should not mean  sacrificing style and  choose to have gray-white hair, Birkenstock and horrible clothes.

The sustainability to make sense, must work simultaneously in your life. I have started a project and personal experiment on my own life. Hence the idea to turn my blog into a platform that can give women like me, useful tips on how to rethink the relationship with shopping and style.

Here are some behaviors  that I have started to apply to make my consumption more conscious then before:

I started to slow down my relationship with fashion, I buy less and invest in timeless pieces.

One of the main reasons why my relationship with modern fashion is absolutely unsustainable, is that I’m buying too much stuff. The prices are so low that sometimes I don’t have to wonder if I really need or really love what I’m about to buy. The low prices may seem an advantage, but they have negative effects on both the environment (I buy more so I produce more garbage) and garments workers who make my clothes.

What I’ve started to change:

I set a reasonable period in which I limit my purchases.I skip my usual fast fashion destination of choice. (I Don’t even go in so I’m not tempted.) Meanwhile, I set my sights on a target investment buy, and save with said target in mind. At the end of my fast spend the money I’ve saved on something I’ll cherish for a long time to come, that I really like and need.

I support artisans, buy handmade.

Handcrafts are endangered all over the world as artisans can’t compete from a price standpoint with goods that are mass-produced. This has two adverse impacts: the loss of employment in artisan trades, and the threat that traditional crafts and techniques will be forgotten. Buying handmade doesn’t just support a process, it often gets you a better end product — one that is special, one that will last longer than its machine-made counterpart.

What I’ve started to change:

When I need something – a sweater, a beach bag, a silk scarf – I go online to find the hand made version. Etsy  is one of many website, to search for handmade items from all around the world. One step further, would  be support an artisan cooperative. In cooperatives, profits are distributed among the members, with additional training and empowerment initiatives in place to promote social and economic mobility.

I’ve found a tailor.

Our clothes have a life cycle. Over time they get worn  at certain points. If I pay very little for a piece of clothing, I tent to throw it away or to donate my  clothes when they had some wear and tear. In practice, this generates waste and leads us to buy more clothes. Philosophically, we become at risk of seeing our clothes as disposable. And any true fashion lover  knows that clothes are anything but disposable.

What I’ve started to change:

Yelp allows me to find a tailor in my neighborhood. I try to buy only what I need and repair what I have (for example a blouse that I kept in the closet for months because it was missing a button). I noticed how quickly and economically something previously not usable, can be made perfectly wearable again. Then I switched to something more complicated such as a pair of pants that do not fit perfectly and a dress with wide waist. I saw the same clothes in a  whole new light.

No matter how I start, I have noticed that the first step to be a more conscious fashion lover  is curiosity, which involves cultivating an interest in where my clothing come from, where it goes when I no longer want it and who is impacted by the decision I make about what I wear.

Environment friendly … con stile


di: Rossella Forle’

Sono sempre stata convinta che le grandi rivoluzioni partano dal singolo è grazie all’unione di singoli atti che possiamo fare la differenza.

Alcuni mesi fa mi sono imbattuta in un documentario straordinario “The True Cost”, attualmente su Netflix. Oltre a vedere da vicino come l’industria della moda funziona, condividendo stress e progetti del mio compagno, regista presso un’agenzia pubblicitaria che lavora essenzialmente con brand di moda. Ho lavorato in pubblicita’ e ho avuto l’opportunita’ di vedere da vicino quanto  giochi un ruolo fondamentale nella creazione di bisogni e desideri costanti.

Negli anni mi sono interessata all’argomento ho letto libri a riguardo, ho iniziato a seguire bloggers che analizzano il rapporto tra consumismo, lavoratori e ambiente e singole realta’ indipendenti che provano a romperne il ciclo. Ma solo ultimamente queste informazioni hanno avuto un impatto reale sulla mia vita quotidiana.

Questo documentario in particolar modo, ha sensibilmente cambiato il mio modo di vivere e percepire la moda. Sono una donna come tante che ama le mode e cambia spesso stile.

Ma più mi informo e più sento che la moda è direttamente in collisione con i miei valori. Ambientali, in quanto il ciclo dei consumi e dei rifiuti è generato dal tasso di abbandono delle mode con cadenza stagionale, ma soprattutto umano; i vestiti sono spesso realizzati in paesi in via di sviluppo che non dispongono di leggi sul lavoro sufficienti a garantire che i lavoratori ricevano equa retribuzione e un lavoro in condizioni di sicurezza.

L’industria della moda è seconda, solo a quella del petrolio, per inquinamento e distruzione di vite umane. Il fast – fashion in particolar modo, con la nascita di colossi come H&M, ha sviluppato una nuova tendenza all’acquisto quotidiano e smodato di cose a poco prezzo e di scarsissima qualita’,  la cui produzione sta letteralmente distruggendo la popolazione dei paesi del sud est asiatico.

La produzione del cotone per esempio, è una delle piu’ dannose. Non potendo attendere il naturale processo di fioritura delle pianta, per la costante richiesta di cotone dal mercato, i campi vengono costantemente innaffiati con pesticidi che, oltre a contaminare l’acqua e la terra, causano problemi di salute a tutta la popolazione delle zone limitrofe. In alcuni villaggi in India si contano piu’ di 60 bambini disabili in ogni villaggio,  affetti da ritardi mentali e fisici direttamente connessi con l’enorme quantita di pesticidi nell’acqua. ( http://frame.bloglovin.com/?post=4841934112&group=0&frame_type=a&context=&context_ids=&feed_order=undefined&blog=5083095&frame=1&click=0&user=0 )

cotton

Ho iniziato a fare un po’ di ricerca per capire come cambiare le mie abitudini di acquisto.

Da qui le domande: è possibile impegnarsi per gli ideali sociali e ambientali e amare la moda? Puo’ un paio  di scarpe stravaganti metterti in disaccordo con le tue convinzioni? o ancora peggio, farti sentire un’ ipocrita?

Ho esplorato diversi modi per mantenere il mio rapporto con la moda, che spesso si sono rivelati inefficaci. C’è stato un periodo in cui ho smesso di comprare vestiti nuovi e acquistavo solo quelli di seconda mano. Per qualche mese, ho abbandonato lo shopping del tutto. Il tempo passava e  dopo  vari esperimenti, invece di raggiungere un maggiore senso di soddisfazione,  sentivo questa separazione dalla moda, come un sacrificio di una parte importante della mia identità. Sentirsi perennemente in conflitto, mi aveva costretto in una situazione senza possibilità di vittoria.

Ed è allora che ho capito che forse non bisogna scegliere affatto.

Invece – i vestiti che compro, le cose che scelgo di indossare – potrebbero essere un altro modo per mettere le mie convinzioni in pratica.

Il consumo è un atto potente. Votiamo una volta ogni due anni, ma spendiamo soldi, in qualche forma, praticamente ogni giorno.

Così, invece di rifiutare la moda, ho deciso di abbracciarla in modo diverso.

A volte, le conversazioni sulla sostenibilità non devono essere esclusivamente limitate a un solo punto di vista. Naturalmente, è utile per capire i problemi, ma la sostenibilità non è – e non deve essere – una definizione one-size-fits-all. Non è detto che per essere un’attivista ambientale debba rinunciare allo stile e andare in giro con i capelli grigio-bianchi, le birkenstock e vestiti orribili.

La sostenibilità per avere significato,  deve lavorare contestualmente nella tua vita. Da qui l’idea di trasformare il mio blog in una piattaforma che possa dare a donne come me, consigli utili su come reimpostare il rapporto con lo shopping e lo stile, partendo da un esperimento condotto sulla mia vita.

Ecco quindi alcune idee che ho iniziato ad applicare per rendere il mio consumo consapevole:

Ho iniziato a rallentare il mio rapporto con la moda, compro meno, investo in pezzi senza tempo.

Uno dei motivi principali per cui il nostro rapporto con la moda moderna è assolutamente  insostenibile, compriamo troppo. I prezzi sono talmente bassi che a volte non c’è bisogno di chiedersi se abbiamo davvero bisogno o amiamo veramente quello che stiamo per acquistare. I prezzi bassi possono sembrare un vantaggio, ma hanno effetti negativi sia sull’ambiente (compriamo sempre piu’ rifiuti) e sugli operai che fanno i nostri vestiti.

Cosa ho iniziato a cambiare:

Ho impostato un periodo di tempo ragionevole in cui limitare gli acquisti. Evito per esempio il giro nella solita destinazione, che mi porterebbe ad acquistare compulsivamente. Nel frattempo, imposto i miei acquisti  su un investimento, con un obiettivo preciso. Alla fine del digiuno, spendo i soldi risparmiati su qualcosa che  conservero’ nel tempo, che mi serve e mi piace davvero.

Compro abiti fatti a mano.

L’artigianato è in pericolo in tutto il mondo. Gli artigiani non possono competere, dal punto di vista dei prezzi, con beni prodotti in serie. Questo ha due effetti negativi: la perdita di posti di lavoro nei commerci artigianali, e la minaccia che l’artigianato e le tecniche tradizionali possano essere dimenticate. L’acquisto di un prodotto fatto a mano non si limita a sostenere un processo, spesso si ha  un migliore prodotto finale – qualcosa speciale, che durerà più a lungo rispetto al suo omologo fatto a macchina.

Cosa ho iniziato a cambiare:

Quando ho bisogno di qualcosa – un maglione, una borsa da spiaggia, una sciarpa di seta – consulto Internet per  cercare  una versione fatta a mano. Etsy è uno dei tanti  website, per la ricerca di oggetti fatti a mano da tutto il mondo. Un passo ulteriore, sarebbe sostenete una cooperativa artigianale. Nelle cooperative, i profitti sono distribuiti tra i membri, con programmi di formazione aggiuntivi e iniziative di empowerment in atto per promuovere la mobilità sociale ed economica.

Ho trovato un sarto.

I nostri vestiti hanno un ciclo di vita. Nel corso del tempo si consumano in certi punti. Quando paghiamo un capo di abbigliamento pochissimo, si tende a buttarlo via o a donare i nostri vestiti quando iniziano a rovinarsi. In pratica, questo genera rifiuti e ci porta a comprare più vestiti. Filosoficamente, diventiamo a rischio di vedere i nostri vestiti come usa e getta. E ogni vero amante della moda sa che i vestiti sono tutt’altro che usa e getta.

Cosa ho iniziato a cambiare:

Yelp  mi permette di trovare un sarto nel mio quartiere. Provo ad acquistare solo  quello che è necessario  e riparo quello che ho (per esempio una camicetta che ho tenuto  nell’armadio per mesi perché mancava  un bottone). Ho notato quanto rapidamente ed economicamente qualcosa in precedenza non utilizzabile, sia diventata  di nuovo perfettamente indossabile. Poi sono passata a qualcosa di più complicato per esempio un paio di pantaloni che non si adattano perfettamente e un vestito largo in vita. Ho visto gli stessi vestiti in una luce completamente nuova.

Non importa come si inizi, il primo passo per essere un amante della moda più consapevole è la curiosità, che si sviluppa coltivando un interesse per il processo di realizzazione del capo di abbigliamento o  chiedendosi dove va, quando non lo vogliamo più. Una volta che inizieremo a porci queste domande, le risposte non saranno troppo lontane.

 

 

i miei primi 30 anni … confronto con i 20, saudade dei tempi che furono!


Sono mesi che inciampo in video e posts sulla caducita’ del tempo e su quanto si cambia dopo i 30 anni. Insomma diciamoci la verita’ superati i Trenta, verso i 35 poi , ci sentiamo ormai sulla via del declino. Siamo degli adulti/vecchi, anche se molti di noi,  sono ancora in piena crisi adolescenziale.

Per le donne la situazione è  ancora piu’ drammatica. Devi scontrarti con una serie di definizione  e stereotipi peggiori, che vanno da signora a milf, facendoti sentire ancora piu’ vecchia di quella che sei in realta’.

Ma quali sono le reali differrenze tra te a 20 anni e te a 30 anni?

Iniziamo dicendo che è  inutile che tiriamo fuori la storia che a 20 anni eravamo tutte bone e oggi invece abbiamo preso quei chiletti in piu’, che  ci hanno cambiato un po’. Diciamo la verita’ piu’ che sovrappeso, per alcune si tratta di vere e proprie disfunzioni ormonali, quindi che pesavate 48 kg a 21 anni, non ci crede nessuno.

La prima cosa che pero’ effettivamente cambia dopo i 30, è il metabolismo. Quel metabolismo veloce che in fame chimica ti permetteva di passare dalla parmigiana al tiramisu’, passando per la teglia di pasta al forno, senza farti prendere un etto, non esiste piu’. Il metabolismo veloce ahime’ non è  un contratto a tempo indeterminato. Ora per perdere quei 3 kili che hai messo su a Natale 2014, devi augurarti di prendere  un virus intestinale che ti costringa a letto, vedendo mostri per almeno due settimane, andare in palestra quasi tutti i giorni, fare un boot camp vicino a un addestramento militare da Full Methal jacket,  correre minimo un’ora  e bere almeno due litri di tisane ditox al giorno. Non puoi piu’ ingurgitare la qualunque, come consigliano tutte le vecchie modelle che hanno iniziato a farsi scrivere un blog.

full metal jacket

Sicuramente scoprirai anche tu, come l’80% dei tuoi contemporanei di essere intollerante al lattosio o al glutine. Inizierai quindi a conoscere l’esistenza di sostanze a te sconosciute come la quinoa, il riso integrale, il latte di soya, l’orzo e gli integratori di vitamine vegetali.

I capelli bianchi sono parte delle tue scoperte quotidiane allo specchio e non fare finta che non ce li hai, altrimenti non si spiega perche’ sia diventata  improvvisamente anche tu, la copia giovane di Donatella Versace.

Il rimorchio cambia  con la sicurezza sessuale, ovvero prima si provava a darla al piu’ figo o meno tirandosela almeno la prima sera, ora la dai e basta, senza neanche chiederti se quello che hai di fronte sia un serial killer o un agente immobiliare.

Lo stile, il vintage  tocca usarlo con moderazione, cosi’ come i pantaloni a vita bassa. Lo stile rockabilly, il montone anni ’70 e tutti questi stili un po’ del cazzo a cui tutte prima o poi ci siamo avvicinate, vanno evitati come la peste, piu’ che farti sembrare stilosa ti fanno sembrare vecchia.  L’acconciantura da foto della nonna in bianco e nero sara’ anche tanto carina,  ma con il tacco basso e la calza color carne con la gonna a ruota, se la possono permettere le 20 enni fighe, da 30 in su, si rischia di sembrare delle vecchie vere e invece che chiamarti  semplicemente ” signora”, rischi che ti cedano il posto sull’ autobus.

Poi che dire dello stile di vita un po’ droghereccio, non ce lo possiamo permettere piu’ riconoscerlo fa fatica ma è  salutare, perche’ dopo due canne non esci manco se passa Ben Dahlhaus a prenderti e se vuoi mantenere una rispettosa vita sociale non puoi sprecare ogni singolo sabato sera sul divano di casa sfatta. Se poi si pensa a qualcosina piu’ pesante, anche li’ dal weekend  i postumi te li porti fino al mercoledi mattina. Non ti regge piu’ ammettilo e poi le droghe invecchiano la pelle!

ben-dahlhaus-luomo-piu-bello-del-mondo

Le amicizie su facebook, a parte che avere un profilo su facebook è da vecchi. Eliminando i soliti amici che mettono i like ai tuoi post, che poi sono sempre gli stessi di sempre, ormai quando chiedi l’amicizia a un uomo non succede piu’ che intercorrano  tra i 4 e i 5 minuti prima che l’accetti, seguiti dal messaggio in privato come una volta. Se va bene ti accetta dopo un mese, a meno che tu non abbia postato un’immagine di quelle da zoccola, con le tette schiacciate  verso l’alto e la bocca a culo di gallina.

La popolarita’, ecco quella è  finita, se mai ci sia stata anche prima, ma diciamo che tra una lezione all’universita’, una festa in casa, qualche rave e la festa sulla spiaggia d’estate, il tuo giro era piuttosto ampio. Ora  se ti va bene ti senti solo con un paio di amiche a settimana su whatsapp, con cui non riesci mai a vederti, perche’ troppo impegnate tra lavoro, figli e Ikea il sabato e l’unica volta che le vedi, hai postato talmente tante foto in due ore di incontro che ci si chiede se davvero abbiate avuto anche il tempo di parlare!

Poi ci sono le amiche della pole dance, le colleghe dell’ufficio, gli amici del tuo compagno/ marito/ divorziato con prole con cui ti sei fidanzata/ cane / gatto o qualsiasi altra forma di accompagnatore che sei riuscita finalmente ad acchiappare, le compagne di yoga ecc..

La paura della solitudine fa brutti scherzi soprattutto a una certa eta’, per cui  ti ostini a frequentare ancora le amiche dell’Universita che ti trascini dietro da anni, anche se ti stanno sul cazzo dal 1998, sparlate l’una dell’altra nei modi piu’ beceri e cattivi, ma non appena vi vedete vi confidate amore eterno e dichiarate di avere rapporti indissolubili.

in bagno insieme
Illustrazione: Elena Triolo – Carote e Cannella

Ovviamente avere piu’ di 30 anni ha anche i suoi vantaggi, si presuppone che tu abbia uno straccio di carriera e inizi a guadagnare in modo decente, i tempi della miseria dei primi 20 anni sono un lontano ricordo, quindi ti puoi comprare i trucchi della MAC. In realta’ trascorri il tempo libero a fare shopping di qualsiasi tipo, dalle scarpe ai vestiti, passando per piante, tappeti, cornici, lampade qualsiasi cosa che preveda l’utilizzo della carta, ti rende felice.

shopping compulsivo
Illustrazione: Elena Triolo – Carote e Cannella

La spiritualita’, i tempi in cui  bestemmiavi tutti i santi e i porco d… facevano fumo se solo ti tagliavano la strada, sono finiti. Hai scoperto le pratiche orientali. Il buddismo, il confucianesimo, l’induismo, parli di energie, karma, insomma nient’altro che  una rivisitazione moderna e apparentemente piu’ cool, del rosario in casa della nonna con le amiche.

Lo yoga, dopo i 30 lo facciamo tutte, convinte che funzioni !

Le mostre d’arte, di base non hai mai conosciuto la differenza tra Situazionismo e Presaperilculismo, ma ora non puoi mancare alla prima del documentario su Marina Abramovic e fai due ore di fila per vedere La Chapelle, scrivi RIP su facebook per la morte di qualche artista super noto e anche se ti rompi a morire, il venerdi sera non puo’ mancare il vernissage.

Il food e non azzardarti a chiamarlo diversamente, non vai piu’ a cena fuori, le tue sono esperienze culinarie. Siamo tutte diventate esperte di cibo, di cui fotografiamo i piatti che postiamo immediatamente su facebook. Ai tempi del rullino, col cazzo che sprecavi una foto per  il piatto degli affettati. Anche quelle come me, che a stento sanno fare una pasta al burro e si sentono cuoche quando aggiungono i pomodori al pesto, si sono riscoperte estimatrici dei ristoranti stellati. Senza contare il corso per imparare a fare i cupcakes, rivisitazione moderna della torta fatta in casa dalla zia, in compagnia della vicina di casa.

Senza parlare dell’impegno sociale, l’ultima volta che hai partecipato a qualcosa che si possa definire minimamente vicino a una forma di protesta, è  stata l’occupazione  del liceo nel 1996, di cui non ricordi quasi nulla perche’ubriaca, intenta a pomiciare con il rappresentate d’istituto. Ora invece  la difesa dell’ambiente o l’idignazione per la fallimentare gestione del paese, sembra sia diventata una cosa da dover necessariamente manifestare. Non importa se l’opinione non venga argomentata, l’importante è  manifestare disprezzo e indignazione per tutto, dalla fine della sinistra, alla salvaguardia del criceto marino dell’Alaska meridionale.

Dei miei 30+ mi sono  gia’ rotta, resto in attesa dei 40 e chissa’ forse anche io come la grande maestra  Ripa di Meana, un giorno vi ammorbero’ con i miei primi quarant’anni che sicuramente non saranno altrettanto interessanti.

 

marina ripa di meana